Uvaggio "Bernarda" Cabanon 2015

Fattoria Cabanon

Nuovo Prodotto

Bernarda Cabanon 2015 cl 75 vol 13,5%

Ottenuto da Uva Rara, Vespolina e Croatina di vigneti antichi, lasciate maturare fino ad autunno avanzato, dopo una soffice pigiatura viene fatto fermentare in piccole botti per passare ad un ulteriore periodo di affinamento di 18 mesi

Maggiori dettagli

10,00 €

tasse incl.

Bernarda Cabanon 2015

cl 75 vol 13,5%

Ottenuto da Uva Rara, Vespolina e Croatina di vigneti antichi, lasciate maturare fino ad autunno avanzato, dopo una soffice pigiatura viene fatto fermentare in piccole botti per passare ad un ulteriore periodo di affinamento di 18 mesi. Di colore granato con riflessi purpurei si svela al naso ampio ed etereo, caratterizzato da note di frutta sotto spirito enfatizzate dalla spuma cremosa.
In bocca è potente e caldo, dominato da aromi di frutta rossa matura e fiori appassiti, retrogusto lungo e vinoso ricco di umori autunnali di muschio e di argilla. Ottima attitudine all’invecchiamento si offre come un grande vino da tutto pasto, impareggiabile con i brasati e le carni grasse, supporta egregiamente i formaggi stagionati e speziati.
Si raccomanda di servirlo a temperatura ambiente, in ampi bicchieri per goderne il caratteristico bouquet.

Caratteristica di produzioneBiologico
Carta dei ViniUvaggio
RegioneLombardia
Zona di ProduzioneOltrepò Pavese
Annata2009
Portateprimo, secondi
Perfetto perpranzo, cena
Occasioniper tutti i giorni

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recenzione

Uvaggio "Bernarda" Cabanon 2015

Uvaggio "Bernarda" Cabanon 2015

Bernarda Cabanon 2015 cl 75 vol 13,5%

Ottenuto da Uva Rara, Vespolina e Croatina di vigneti antichi, lasciate maturare fino ad autunno avanzato, dopo una soffice pigiatura viene fatto fermentare in piccole botti per passare ad un ulteriore periodo di affinamento di 18 mesi

La Fattoria Cabanon
È entrata nel catalogo dei Colli del Bio l'eccellenza vitivinicola della Fattoria Cabanon. E' una storia di Terra, uomini e colline di quelle che ci piacciono anche più dei vini che producono. 
Una storia che inizia nel 1909 nell'Oltrepò Pavese, ai confini con il Piemonte e assume dimensione imprenditoriale negli anni '60 grazie alla passione di Giovanni Mercandelli che impianta vitigni 'innovativi' e poco noti nell'Oltrepò Pavese gettando le basi per una 'nuova' tradizione di Cabernet, Sauvignon Blanc, Syrha.
Ma Mercandelli anticipa i tempi anche sul tema del Bio molti anni prima che la Comunità europea ne stilasse il decalogo e la Legge costitutiva;  "vivere in modo sano, senza inquinare e mangiando e bevendo cose genuine" questa è la filosofi che lo ha mosso come racconta la figlia sul sito della Fattoria  e che i Colli del Bio condividono sin dal primo giorno in cui l'idea di aprire un sito di e-commerce ci è venuta in mente



“In fondo produrre biologico significa portare del buon cibo sulla tavola della gente. Buono per il palato, buono per la salute. Insuma mangia’ bei” e sorride come fa sempre quando parla in dialetto." Paolo - leggi la storia dei Colli del Bio su Vero Biologico